Diario di una Volta 2016 – Nossa Srª da Graça, un arrivo mitico e popolare della Volta a Portugal

Tifosi in attesa presso Nossa Srª da Graça - Foto di Luca Onesti presente nel libro C'era una Volta in Portogallo
Tifosi in attesa presso Nossa Srª da Graça – Foto di Luca Onesti presente nel libro C’era una Volta in Portogallo

Quest’anno raggiungiamo la carovana della Volta a Portugal, giunta alla sua 78ª edizione, la più importante competizione ciclistica a tappe, domenica 31 agosto, dopo che la manifestazione ciclistica è già cominciata da qualche giorno. La competizione, infatti, si svolge quest’anno dal 27 luglio al 7 agosto.

È una domenica calda e la tappa di giornata, la quarta in programma, dopo la partenza da Bragança, vede l’arrivo a Mondim de Basto, precisamente a Nossa Srª da Graça, situata sul monte Farinha. Un arrivo in salita, quindi, a circa 1000 metri di altezza.

Sia di Bragança, sia di Nossa Srª da Graça abbiamo parlato (non solo dal punto di vista ciclistico e sportivo, anzi, c’è una buona parte dove raccontiamo diversi aspetti storici, tradizionali e culturali delle due località) nel libro C’era una Volta in Portogallo – edito da Tuga Edizioni – ed è bello vedere che le nostre scoperte rimangono invariate anche quest’anno. Per conoscere le nostre informazioni su Bragança vi rimandiamo alla lettura del nostro libro, per quanto riguarda Nossa Srª da Graça, invece, vogliamo svelarvi alcuni aspetti vissuti negli scorsi anni e in questo fine luglio 2016. Anche qui, però, vi rimandiamo, per un informazione più completa ed esaustiva, e speriamo interessante e utile per i lettori, al libro C’era una Volta in Portogallo.

La tappa con l’arrivo a Srª da Graça, si chiama così perché vi è è situato il Santuário de Nossa Senhora da Graça, è attesa tutti gli anni dagli appassionati di ciclismo portoghesi e non solo. A fianco della strada in salita che porta in cima – sono circa 10 chilometri che iniziano dalla cittadina di Mondim de Basto – c’è tanta gente che aspetta passare i propri beniamini. Lungo tutta la salita e anche nei pressi del Santuário, si radunano infatti, tantissimi tifosi già qualche giorno prima. In questo tratto di strada fino al traguardo è uno spettacolo: gente che mangia e ti offre da mangiare, gente che beve e ti offre da bere. È così che ti può capitare di scoprire, magari, dei prodotti gastronomici tipici portoghesi di questa regione che prima non conoscevi.

Per quanto riguarda la situazione della competizione ciclistica, dopo le prime cinque prove della Volta – mentre sto scrivendo questa prima parte del “Diario di Una Volta 2016”, è lunedì 1 agosto ed è terminata da qualche ora la prova di oggi, la 5ª tappa, Lamego-Viseu – vede il portoghese Rui Vinhas della squadra W 52 – FC Porto, indossare la Camisola Amarela (è la maglia gialla che indossa il leader della classifica generale) con un vantaggio di due minuti e 45 secondi sul compagno di squadra, già vincitore nel 2014 e nel 2015 e grande favorito anche quest’anno per la vittoria finale, lo spagnolo Gustavo Veloso.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente su Il Becco, qui

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...